Warning: Use of undefined constant lang - assumed 'lang' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.campanipackaging.com/home/wp-content/themes/Chameleon/header.php on line 98
trasporto-mobili-imballi-campani-packaging-service-traslochi

Mobili

Legno, metallo, vetro, montati, smontabili, pezzi unici o di grande serie, quello dei mobili è un mondo sterminato in cui tutto è ammesso eppure , per chi come noi nel corso di decenni si è misurato con questo universo, esistono delle procedure che costituiscono un denominatore comune con cui operare .

La tecnica esecutiva e i materiali sono solo gli ingredienti del modo di procedere che parte inanzitutto dall’analisi del singolo pezzo per accomunarlo ad una precisa categoria e quindi alla relativa tipologia di imballo.

Individuazione del baricentro, delle parti aggettanti e delle parti piu solide su cui l’onda d’urto derivante dalle sollecitazioni esterne durante il trasporto deve scaricarsi, sono solo alcuni di questi aspetti che come sempre accade prevedono una sola soluzione giusta e tutte le altre, poco o tanto errate. L’uso dell’appropriata clearance, ovvero lo spessore tra l’oggetto  contenuto e il contenitore, l’uso dei filler cartons per conferire rigidità statica alle parti aggettanti, sono solo alcuni esempi del nostro modo di operare.

Un aspetto di solito poco considerato, ma per noi di primaria importanza, è la chiarezza e la facilità del disimballo. Da un’ indagine della NTA (NATIONAL TRANSPORT ASSOCIATION) negli USA emerge che almeno un terzo dei danni verificatisi durante il trasporto sono causati da errate operazioni di disimballo da parte del ricevente.

Ci siamo fatti carico di questo problema riducendo al minimo o eliminando del tutto l’utilizzo del legno e delle parti metalliche e costruendo sia l’involucro che le protezioni interne in modo semplice e razionale, eliminando la tentazione di tagliare o lacerare: per schiudere i nostri imballi infatti, seppur resistenti e a prova di trasporto, é sufficiente aprire o sfilare le singole parti. Grazie ad un’attenta fase di progettazione siamo riusciti ad evitare, con la semplicità, un rischio inutile.

Photo gallery